Autonomia, Boccia: vogliamo farla, ma si rispetti Costituzione

Psc

Napoli, 4 ott. (askanews) - "L'autonomia differenziata è costituzionalmente compatibile se si rispetta la Costituzione. Se si fanno intese che poi hanno al loro interno scelte incostituzionali si finisce nelle sabbie mobili, così come è finito il Governo precedente". Così il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, dopo un incontro a Napoli con il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. "Noi l'autonomia differenziata vogliamo farla - ha aggiunto - vogliamo, però, che rispetti tutta la Costituzione, dall'articolo 3 che ci impone di rimuovere ogni diseguaglianza di qualsiasi ordine, a partire da quelle di ordine economico e sociale, e soprattutto, oltre all'articolo 116, non bisogna dimenticare il 119, cioè il sistema di perequazione e finanziamento". Per Boccia "il nodo vero è che il vecchio progetto è fallito, finito nelle sabbie mobili. Noi recupereremo le parti più costruttive del lavoro fatto dal precedente Governo e - ha concluso - costruiremo un modello che non lasci indietro nessuno. Si leggerà autonomia, ma anche sussidiarietà, nuovo modello sociale e soprattutto lotta senza quartiere alle diseguaglianze".