Autonomia: Bruno Bossio (Pd), 'Regioni e Parlamento blocchino ddl Calderoli'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 16 nov (Adnkronos) – "Il Governo Meloni, mentre sta disattendendo le promesse elettorali per approntare misure anticrisi e di contrasto al carovita e all'aumento vorticoso dei costi dei consumi energetici, non ha perso tempo, invece, per approvare un disegno di legge che è destinato ad accentuare il divario tra Nord e Sud". Lo dice Enza Bruno Bossio, componente della Direzione nazionale del Pd.

"È il tempo, dunque, di esprimere una iniziativa sociale popolare ed un'efficace battaglia istituzionale perché venga bloccato il testo di legge che il Ministro Calderoli ha predisposto e finalizzato alla immediata attuazione della autonomia differenziata, cancellando l'obbligo di definire prioritariamente i livelli essenziali delle prestazioni (LEP) su tutto il territorio nazionale. Alla disponibilità dello Stato verrebbero sottratti almeno circa 200 su 750 miliardi di euro annui del gettito fiscale e,al tempo stesso, oltre che per le materie concorrenti anche alcune di esclusiva competenza propria", spiega Bruno Bossio.

"Verrebbero cosi affidate alle Regioni – prosegue la componente della Direzione Pd – competenze di materie riguardanti la garanzia di diritti sociali e civili universali, a partire dalla gestione del sistema della istruzione scolastica. Se dovesse entrare in vigore questo nuovo “Porcellum” non solo si accentuerebbe il dualismo Nord-Sud ma l'intero Paese sarebbe ricondotto ad uno spezzatino, con la conseguenza di determinare una classificazione di cittadini di serie A e di serie B".

(Adnkronos) – "Inevitabilmente, non sarà messo in discussione il criterio della spesa storica che oggi genera una differenza rilevante nella spesa procapite, che per un cittadino del centronord è pari a 17.621 mentre per il sud è di 13.613 euro. Per riportare a livello paritario la spesa procapite nazionale, lo Stato dovrebbe mettere in bilancio 80 miliardi aggiuntivi da destinare al Sud", dice ancora l'esponente del Pd.

"La proposta Calderoli non solo esclude la fattibilità di questa scelta ma aggrava il divario. Una proposta di legge, inoltre, in evidente contrasto con gli indirizzi europei, dal momento che il programma Next Generation EU investe i maggiori finanziamenti per il superamento dei divari tra Nord e Sud come scelta strategica per contrastare il limite della mancata crescita del Paese", prosegue.

"È auspicabile, pertanto, che la Conferenza Stato-Regioni, a cui nei prossimi giorni sarà sottoposto il provvedimento, e lo stesso Parlamento – conclude – si oppongano con fermezza alla ipotesi Calderoli e convengano che prima di ogni ipotesi di autonomia differenziata o di riordino delle funzioni tra Stato e Regioni dovranno essere definiti, senza se e senza ma, i livelli essenziali di prestazione, affinché ogni territorio possa competere in condizioni di parità e non di forte svantaggio rispetto alle aree più forti del Paese".