Autonomia, Bruno Galli (Lega): tocca al governo completarla

Mda

Milano, 29 ago. (askanews) - "Condivido totalmente le preoccupazioni espresse dal presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana sull'autonomia che rischia seriamente di finire nel dimenticatoio con il nuovo Governo giallorosso a guida Conte". Lo ha affermato Stefano Bruno Galli, assessore della Regione Lombardia all'Autonomia e alla Cultura.

"Nell'ultimo anno - ha proseguito l'assessore - pur procedendo meno spediti del previsto a causa delle note e pubbliche resistenze del Movimento Cinque Stelle e di alcuni suoi ministri, abbiamo comunque elaborato in maniera dettagliata, nei tavoli appositamente convocati al Ministero degli Affari regionali, le tre bozze di richieste di autonomia presentate da Lombardia, Veneto e anche Emilia Romagna, entrando nel merito delle questioni specifiche. Ora serve la volontà politica di chiudere: tocca adesso a un altro Governo concludere questo iter. È più che legittimo nutrire forti dubbi a riguardo".

Bruno Galli ha quindi affermato di accogliere con "un cauto ottimismo le parole del consigliere regionale Pizzul, autorevole esponente del PD lombardo. Parole cui spero seguano i fatti da parte del suo partito, che finora si è dimostrato a dir poco tiepido nei confronti dell'autonomia differenziata".

"Attenzione però - ha concluso - queste risposte non dovranno darle al sottoscritto, ma al grande popolo lombardo che in materia di autonomia differenziata si è chiaramente espresso con il referendum del 22 ottobre 2017".