Autonomia, Fontana: nessuna convocazione da Palazzo Chigi

Red-Asa

Milano, 23 lug. (askanews) - "Sul negoziato per l'autonomia nessuna convocazione è arrivata a Palazzo Lombardia. Le intenzioni annunciate nel week end dal Premier Conte, al momento, non si sono concretizzate". Lo ha scritto in una nota il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, intervenendo nel dibattito sull'autonomia. "A Palazzo Chigi - ha proseguito il presidente lombardo - c'è un silenzio preoccupante, che richiama alla memoria la teoria democristiana del non fare nulla nella speranza che giorni e settimane rendano la questione autonomie meno urgente. Così non è. I nostri dossier, frutto di un lavoro paziente e approfondito di esperti di ogni materia, restano al centro del dibattito con tutto il peso democratico della richiesta referendaria, con la convinta adesione degli attori sociali ed economici e con tutta la carica che la vita reale, con le esigenze quotidiane e i bisogni dei cittadini ci impongono".

"Noi - ha continuato Fontana - siamo pronti a partecipare al tavolo annunciato dal presidente Conte in qualunque giorno lo ritenga. Ci presenti il testo del Governo. Resteremo a quel tavolo finché il dialogo fra gli attori cui la Costituzione affida il compito di trovare l'intesa, non produrrà un testo serio e pienamente soddisfacente. Ci stanno a cuore la soluzione dei problemi delle nostre comunità: risposte responsabili e sostenibili ai ragazzi che devono studiare con la giusta continuità didattica, ai cittadini che pretendono una sanità adeguata nei tempi e nella accuratezza ai propri bisogni, alle aziende e ai lavoratori che devono potersi dedicare a migliorare il proprio impegno a vantaggio di tutti".

"La vita reale, insomma. Non slogan e fantasmi divisivi, ma - ha concluso il presidente della Regione Lombardia - responsabilità e buon governo come principio guida per le amministrazioni pubbliche. Questa sfida riguarda tutti e ogni regione può farla propria".