Autonomia: riunione Pd su Ddl Calderoli, 'non rispetta la Costituzione'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 17 nov (Adnkronos) – "Il Partito Democratico ha riunito gli uffici di Presidenza dei gruppi parlamentari per valutare con il vice presidente della Conferenza delle Regioni Michele Emiliano la proposta del Ddl Calderoli oggi in discussione presso la Conferenza delle Regioni". Lo spiega Francesco Boccia, responsabile Regioni e enti locali della segreteria del Pd, che poi elenca "i punti ritenuti imprescindibili per il Partito democratico per continuare qualsiasi forma di confronto istituzionale e parlamentare".

"1. È necessaria l’adozione preventiva in Parlamento di una ‘legge quadro’ che disciplini percorso e procedure condivise con Regioni ed Enti locali -spiega il dirigentedem-. 2. I Livelli essenziali delle prestazioni su sanità, scuola, trasporti, assistenza e i relativi costi standard, devono essere obbligatoriamente definiti prima della sottoscrizione delle intese relativamente al trasferimento delle funzioni correlate e devono essere approvati dal Parlamento".

"3. Le intese con le Regioni devono essere approvate dal Parlamento. 4. È necessario assicurare l'attuazione congiunta con l’articolo 116 della Costituzione degli articoli 117, 118 e 119, finalizzati a garantire coesione, solidarietà nazionale e decentramento amministrativo agli Enti locali nel rispetto del principio di sussidiarietà. 5. No a qualsiasi forma di regionalizzazione della scuola e No a ipotesi, anche surrettizie, di residui fiscali", prosegue Boccia.

(Adnkronos) – "Per il Partito Democratico l’autonomia, così come più volte ribadito dal Presidente Mattarella, rafforza l’unità nazionale quando attua il principio di sussidiarietà e rafforza la coesione sociale. La bozza del ddl Calderoli non rispetta lo spirito e i principi indicati dalla Costituzione -conclude Boccia-. Il Partito Democratico invita il Ministro Calderoli a ripartire dalla proposta di ddl del Pd presentata nel 2020 e adottata all’unanimità dalla Conferenza stato regioni e dalla Conferenza unificata”.