Autonomia, Zaia e Fontana scrivono a Conte: no a pannicelli caldi

Mpd

Venezia, 21 lug. (askanews) - 'L'autonomia è una sfida soprattutto per noi stessi e per le istituzioni che siamo chiamati a governare, Signor Presidente. Non avremo scuse se non riusciremo a realizzare i nostri progetti e i cittadini ci premieranno o puniranno. Per questo vogliamo una autonomia vera, non un pannicello caldo che produrrebbe ulteriori guai'. Lo scrivono, in una lettera aperta al premier Conte, i presidenti delle Regioni Lombardia e Veneto, Attilio Fontana e Luca Zaia.

'come Lei ben sa - ricordano - in questi anni abbiamo lavorato molto per cercare di tradurre in fatti concreti l'aspirazione a una maggiore autonomia delle nostre Regioni. L'autonomia richiesta dai cittadini lombardi, veneti, emiliano-romagnoli vuole cercare di rendere più semplice la vita di chi lavora, studia, vive nelle nostre regioni. Chiunque abbia oggi a che fare con la Pubblica Amministrazione, la vede spesso come un difficile ostacolo da superare e non come istituzione che accompagna e supporta la realizzazione dei propri progetti o ci sostiene nei momenti di difficoltà. La nostra vita quotidiana, Signor Presidente del Consiglio, è fatta di salti a ostacoli contro la burocrazia che complica ogni attività e rende difficile sia fare l'imprenditore sia l'amministratore pubblico. Ci sarà sempre un comma, una norma, un combinato-disposto che produrrà un errore a danno del cittadino e una inchiesta contro burocrati onesti. Ed ogni atto ministeriale che dovrebbe semplificare, in realtà produce ulteriore burocrazia. Noi invece vogliamo l'autonomia per cercare di semplificare la vita di tutti, rendendo chiaro e semplice individuare chi fa che cosa, superando la sovrapposizione di compiti e funzioni che oscurano le responsabilità, dilatano i tempi e fanno esplodere i costi'. (Segue)