Autoriciclaggio, arrestati tre imprenditori lucchesi

Xfi

Firenze, 25 gen. (askanews) - Tre imprenditori lucchesi sono stati arrestati con l'accusa di riciclaggio e autoriciclaggio. Un'operazione della Guardia di Finanza ha portato al sequestro preventivo di denaro e beni mobili e immobili per oltre 3,7 milioni di euro, sulla base di un decreto emesso dal Gip di Lucca. Gli imprenditori avevano visto fallire una loro azienda operante nel settore del materiale plastico. Secondo la finanza e gli inquirenti, gli imprenditori attraverso un "percorso" costituito ad hoc per eludere ogni tipo di controllo, avrebbero utilizzato i soldi distratti illegalmente dal fallimento della propria azienda per acquisire prestigiose proprietà immobiliari. Ma le numerose operazioni finanziarie e speculative poste in essere hanno consentito ai tre imprenditori di creare un vero e proprio impero economico, derivante dalla sottrazione dalle casse aziendali di denaro per oltre 5 milioni di euro.

Al termine delle indagini, durate oltre due anni, sono stati sequestrati beni mobili ed immobili per un valore complessivo di 3,7 milioni di euro e i due imprenditori sono stati denunciati alla locale  per i reati di riciclaggio e autoriciclaggio.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità