Autorità antitrust cinese apre inedita inchiesta contro Alibaba

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 24 dic. (askanews) - L'Autorità di regolazione del mercato cinese (SAMR) ha lanciato un'inedita inchiesta nei confronti del gigante dell'e-commerce Alibaba, fondata dal miliardario Jack Ma. Lo hanno reso noto oggi i media cinesi.

Secondo l'agenzia di stampa Xinhua, l'autorità regolatoria sospetta Alibaba di aver agito da monopolio, in particolare costringendo gli operatori alla firma di patti di cooperazione esclusiva, che impedissero di offrire i prodotti su piattaforme rivali.

Nel mirino anche lo spin-off di Alibaba, l'Ant Group, nei confronti del quale la banca centrale cinese e l'autorità regolatoria del mercato bancario e assicurativo hanno annunciato l'avvio di colloqui per portare il gruppo al rispetto diuna serie di principi finanziari per il mantenimento di un'equa competizione e per la protezione dei legittimi diritti dei consumatori. Questa mossa è stata annunciata dalla Banca centrale cinese con un comunicato sul suo sito internet.

La manovra a tenaglie nei confronti di Alibaba viene dopo che Pechino ha tenuto una Conferenza centrale sull'attività economica nella quale si è deciso di rafforzare il controllo contro i monopoli e contro l'espansione del capitale in maniera incontrollata, attraverso l'attività regolatoria. Anche il Quotidiano del Popolo, giornale del Partito comunista cinese ha definito questa azione nei confronti di Alibaba - che è una prima volta per il regolatore cinese contro un gruppo internet di questa portata - un'importante passaggio per combattere i monopoli nel mondo internet. Un'azione "buona per il marcato, che può rafforzare lo sviluppo dell'economia cinese", ha detto il giornale ufficiale.

La Cina sta attivando un processo di riforma delle regolazioni antitrust. Il portavoce della Commissione affari legislativi del Comitato permanente del Congresso nazionale del popolo, principale organo legislativo cinese, Yue Zhongming ha annunciato la scorsa settimana che è in corso di elaborazione il progetto di una nuova legge contro i monopoli.

La notizia dell'inchiesta antitrust ha provocato un crollo in borsa per Alibaba, che a Shanghai ha perso l'8 per cento. In un comunicato sul suo profilo Weibo, il Twitter cinese, il gruppo ha confermato di aver ricevuto notifica dell'indagine. "Alibaba - ha commentato - coopererà con i reglatori per completare l'investigazione".

Ant Group, che ha sviluppato il sistema di pagamenti AliPay, che è molto popolare in Cina, sostanzialmente ubiquo per il suo uso, è stato sospeso nelle borse in cui è quotatao. Ha annunciato che si atterrà "strettamente alle richieste degli uffici regolatori".