Autostrade, Calenda: per revocare concessione serve posizione legale solida

Luc

Roma, 16 gen. (askanews) - Carlo Calenda si dice "non contrario all'idea di revocare la concessione a un concessionario inadempiente, ma prima devi essere sicuro che sia inadempiente e avere una posizione legale solida. E poi bisogna capire come si gestisce il personale di autostrade. Dicono di darle a Anas: percorriamo le strade statali e sappiamo qual è la situazione, secondo voi Anas può gestire autostrade?". Lo ha detto il leader di Azione a Circo Massimo su radio Capital.

"Nel governo - ha continuato - procedono a tentoni: non hanno idee, fanno un passo dietro l'altro, si rimangiano le cose e costruiscono dei mostri. Il governo non sta gestendo il paese, ma la maggioranza che sta gestendo il governo. Fare una cosa per cui il pubblico gestisca bene le strade statali e si rifaccia la gara per attribuire la concessione è una soluzione troppo banale per chi vuole giocare al piccolo banchiere".

Parlando di imprese, poi, Calenda non risparmia una stoccata a Confindustria e al numero uno degli industriali, Vincenzo Boccia: "Speriamo che una presidenza più autorevole dell'ultima, che è stata la più disastrosa della storia, porti a un lavoro sulle imprese, soprattutto quelle che non sono agganciate ai mercati internazionali e soffrono sulla domanda interna".