Autostrade, Mulè: da governo balle, follia procedere con revoca

Pol/Vep

Roma, 17 gen. (askanews) - "Su Autostrade dal governo solo balle. Prima balla: Ansfisa, l'agenzia che doveva controllare la sicurezza delle infrastrutture, doveva nascere il primo gennaio 2019 e oggi non è ancora operativa. Seconda balla: tra i 74 indagati per il crollo del Ponte Morandi ci sono anche diversi funzionari che l'allora ministro Toninelli aveva nominato nella Commissione ispettiva per far luce sulle cause e a uno a uno si sono dovuti dimettere. È quindi una follia procedere con la revoca della concessione ad Autostrade, per giunta nel decreto Milleproroghe, visto che manca ancora la sentenza di un giudice che stabilisca cause e colpe, visto che non si ha un sistema di controlli capace di prevenire e curare prima del disastro". Così Giorgio Mulè, deputato di Forza Italia e portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato, intervenendo a Coffee Break su La7.

"Sosteniamo la necessità che la sicurezza sia garantita non con colpi di testa da parte della maggioranza di incapaci, ma con un serio piano di manutenzione fatto pagare dai concessionari e controllato dallo Stato", conclude.