Avis Lombardia: continuare a donare sangue ma con consapevolezza

Lzp

Milano, 20 mar. (askanews) - Alla luce dell'emergenza Coronavirus è necessario donare sangue, ma con "consapevolezza e programmazione". E' quanto afferma Avis Lombardia, sottolineando che "è indispensabile mantenere la raccolta il più possibile programmata senza aumentare il livello delle scorte attuali che comporterebbe il rischio di scadenza delle unità.

Una raccomandazione che arriva alla luce dei dati messi a disposizione dal Dmte, Dipartimento trasfusionale e di ematologia, che ha paragonato il numero di unità di sangue raccolte nel periodo compreso dal 9 al 15 marzo di quest'anno, 8.083 unità, con quelle dell'anno precedente, 9.919 unità. Un calo, di 1.836 unità, che emerge anche dalla valutazione su un periodo più esteso: i dati del mese di febbraio 2020 registrano 35.825 unità contro le 37.361 unità del 2019, con uno scostamento sul numero di raccolta di sangue in favore dell'anno precedente di circa il 5%.

"Lo scostamento c'è, anche se minimo. Questo grazie ai donatori che nonostante l'emergenza Coronavirus non hanno mai smesso di donare. Ora però, a fronte a questo calo, la raccolta deve continuare secondo le modalità programmate, quindi dietro prenotazione e seguendo le normali procedure per non rischiare un calo più importante. Diciamo grazie alle numerose persone che hanno risposto al nostro appello, ma dobbiamo continuare a donare in maniera regolare e periodica per poter far fronte al continuo bisogno di sangue e emoderivati", ha dichiarato Oscar Bianchi, presidente Avis della Regione Lombardia.