Avvenire: la croce è per tutti, errore comunicativo di Fioramonti

Ska

Roma, 2 ott. (askanews) - "La Croce è per tutti": Avvenire apre così, in riferimento alla polemica sul croficisso nelle aule scolastiche innescata da una dichiarazione del ministro dell'Istruzione Lorenzo Fioramonti con quello che il quotidiano della Cei definisce "un grave errore comunicativo, sbagliato nei tempi e soprattutto nei contenuti".

"I crocifissi da togliere e da proteggere sono i poveri del mondo che andrebbero sollevati dalla miseria, i bambini sfruttati che gridano aiuto, i senza dimora che chiedono attenzione, i giovani che hanno bisogno di relazioni significative, gli abbandonati, i perseguitati, gli esuli, i malati, i profughi e i migranti", scrive Marco Pappalardo in un editoriale di prima pagina intitolato "Ma eliminarlo non si può". "Amiamo i simboli, difendiamoli, e facciamolo con la consapevolezza di ciò che conta davvero. Ogni vittima deve essere soccorsa e liberata, ma nessuno potrà mai eliminare i crocifissi".