Avvocati, Censis: tassi di crescita da "zero virgola"

Rus

Roma, 3 ott. (askanews) - Dal 2000 in poi il numero degli iscritti agli albi forensi è sempre aumentato, ma con tassi d'incremento sempre più contenuti. Se nel 2000 la variazione degli iscritti rispetto all'anno precedente era stata pari all'8,7%, la crescita tra il 2017 e il 2018 è stata solo dello 0,3%. E il reddito medio degli avvocati, dopo le variazioni negative soprattutto negli anni 2010-2014, è aumentato dello 0,5% tra il 2016 e il 2017.

Questi sono i principali risultati del «IV Rapporto Censis sull'avvocatura italiana 2019» realizzato dal Censis per la Cassa Forense, che è stato presentato oggi a Roma da Giorgio De Rita, Segretario Generale del Censis, e Andrea Toma del Censis, e discusso da Nunzio Luciano, presidente della Cassa Forense.

Quasi il 30% degli avvocati ha dichiarato un fatturato in crescita nel 2018 rispetto all'anno precedente. Per il 34,8% è rimasto invariato, mentre il 35,6% ha subito un ridimensionamento. Tra le donne percentuale in sofferenza scende al 34,1%, contro il 36,7% degli uomini. Tra le professioniste la condizione di stabilità o di miglioramento riguarda il 65,9%. Il fatturato è salito soprattutto per gli avvocati che esercitano da meno tempo o che sono più giovani d'età: il 42,5% degli under 40 anni ha dichiarato un incremento nel 2018, mentre tra i più anziani la quota scende sotto il 20%. Per i prossimi due anni il 31% degli avvocati prevede un miglioramento dell'attività, mentre il 42,1% è più prudente, prevedendo stabilità. Tra le donne il 32,7% prevede un miglioramento, contro il 29,7% degli uomini. I più ottimisti sono i più giovani, sia in termini di anzianità professionale (il 50,4% degli avvocati con meno di dieci anni di attività), sia in termini di età anagrafica (il 49,9% degli under 40 anni).(Segue)