Avvocati, Censis: tassi di crescita da "zero virgola" -2-

Rus

Roma, 3 ott. (askanews) - Il 61,1% degli italiani chiede interventi concreti per ridurre la durata dei processi civili e penali. Dello stesso avviso sono gli avvocati. Nonostante la recente riforma dei tempi di prescrizione, il 56,2% dei professionisti dichiara che è necessario procedere a una riorganizzazione generale dei processi e del sistema giudiziario, all'interno della quale affrontare anche il tema dell'eccessiva durata dei processi.

Un sistema giudiziario troppo indulgente, soprattutto con i politici e i corrotti. Il quadro delle garanzie dell'imputato è ritenuto eccessivamente indulgente dal 57,6% degli italiani. Solo il 28,6% lo considera giusto e appena il 4,7% troppo punitivo. Tra i nuovi reati, e quelli per cui è stato decretato un inasprimento delle pene, gli italiani assegnano il maggiore livello di pericolosità sociale al traffico di organi prelevati da persona vivente (39,9%), all'inquinamento ambientale e al disastro ambientale (35,3%), all'omicidio stradale (33,7%). Il nostro sistema di giustizia è troppo benevolo nei confronti di politici e amministratori corrotti: lo pensa l'82% degli italiani. Si chiede una maggiore severità nei confronti di stupratori e pedofili (78,4%), ladri di appartamento e rapinatori (76,4%), molestatori (76,4%) e responsabili di reati ambientali (76,1%). Superano di poco il 30% gli italiani che ritengono giusto il trattamento riservato a chi commette reati, nel caso di appartenenti alle organizzazioni criminali e i sequestratori (30,8%), i terroristi (30,6%), i diffamatori attraverso i media (30,0%). Al contrario, il 40,9% giudica troppo punitivo il trattamento nei confronti di chi eccede nella legittima difesa. Il 16,4% considera severo il trattamento nei riguardi degli immigrati irregolari.(Segue)