Avvocati difesa chiedono immediato rilascio di Puigdemont

·1 minuto per la lettura

00.00 PUIGDEMONT IN BELGIO

Gli avvocati di Carles Puigdemont, ex governatore catlano inseguito da un mandato di cattura della magistratura spagnola e arrestato ad Alghero hanno avviato un processo chiedere la liberazione del loro assistito.

La parola passa ora ai giudici della Corte d'Appello di Sassari. Il nodo da sciogliere è il passaggio dell'ordinanza con cui il 30 luglio il vicepresidente del Tribunale generale della Corte di giustizia dell'Ue ha respinto la richiesta di sospensione della revoca dell'immunità parlamentare del leader indipendentista catalano.

Paul Bekaert: "Chiediamo alla Corte europea di ordinare alla giustizia italiana di liberare il signor Puigdemont, perché è stata emessa una sentenza a luglio, in cui vi è l'obbligo per la Spagna di attendere fino a quando non ci sarà una decisione definitiva in Lussemburgo, nei prossimi mesi, sull'immunità ."

Puigdemont è un eurodeputato, ma ha perso la sua immunità dopo una decisione della camera. I suoi avvocati hanno impugnato la decisione davanti alla giustizia europea e non c'è ancora stata una decisione definitiva.

Non avrebbe dovuto esserci alcun rischio di detenzione in quanto l'ordine di mandato europeo era stato sospeso dalle autorità spagnole.

Un altro degli avvocati del collegio difensivo di Puigdemont pensa che la Spagna abbia mentito. Così Gonzalo Boye: "Quello che c'è stato è una sorta di inganno nei confronti del tribunale europeo a cui sono state fornite informazioni erronee".

La giustizia spagnola ha spiccato un ordine di cattura europeo contro Puigdemont per la sua partecipazione al referendum illegale del 2017. Il mandato sembra essere ancora attivo nel sistema Schengen. Questo sembra essere l'unico motivo che spieghi la sua detenzione in Italia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli