Axa Italia entra nella diagnostica sanitaria, accordo con Gruppo Cidimu

webinfo@adnkronos.com

Il Gruppo Axa Italia entra nel settore della diagnostica grazie all'accordo con il Gruppo Cidimu, guidato dall’imprenditore Ugo Riba, presente in Piemonte e Lombardia con alle spalle una storia trentennale di sviluppo tecnologico e di qualità del servizio. "L’integrazione riguarderà uno dei sette centri del Gruppo, il Centro radiologico polispecialistico (Crp) situato a Cinisello Balsamo, nel quale verranno effettuati ulteriori investimenti in innovazione tecnologica e digitale, per offrire ai clienti e ai pazienti ancora più servizi", evidenzia in una nota Axa Italia, leader del mercato assicurativo italiano con un giro d’affari di 6,7 miliardi e 4,5 milioni di clienti.  

"L’integrazione con gli istituti diagnostici - sottolinea Axa Italia - è una tappa fondamentale, in quanto consente di proporre ai clienti un’offerta completa, dalla prevenzione alla riabilitazione, garantendo alti livelli di servizio, lungo tutto il percorso sanitario". Axa è già impegnata nell’innovazione attraverso il lancio dei servizi di telemedicina: "Con l’ingresso nel settore della diagnostica l'obiettivo è spingersi oltre", evidenzia la nota.  

"Questa acquisizione segna una tappa storica per la strategia di Axa in Italia, siamo pionieri nel completare una integrazione verticale nel settore della diagnostica e lo facciamo con un partner di prestigio, come il Gruppo Cidium, all’avanguardia in tecnologia e qualità di servizio - afferma il Ceo di Axa Italia, Patrick Cohen - Questa operazione apre nuovi orizzonti per Axa Italia e significa andare oltre l’assicurazione e catturare sinergie evidenti con il business assicurativo, basti pensare alla gestione dei sinistri o alla fidelizzazione dei clienti. Da oggi più che mai Axa Italia diventa vero partner dei propri clienti".