Azzolina alla Camera: "A settembre si riparte, basta classi pollaio"

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Lucia Azzolina (Photo by Antonio Masiello/Getty Images)
Lucia Azzolina (Photo by Antonio Masiello/Getty Images)

“A settembre la scuola riparte. Voglio dirlo in quest'Aula e ribadirlo con chiarezza per arrivare a tutte quelle famiglie che ci stanno ascoltando e che spesso sono travolte da toni allarmistici e apocalittici”. Lo ha ribadito la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, durante l'informativa urgente alla Camera sul ritorno a scuola in sicurezza il prossimo 14 settembre.

“Mentre dall'1 settembre – ha precisato – come previsto dall'Ordinanza ministeriale del 16 maggio 2020, n. 11, si svolgeranno le attività di integrazione e recupero degli apprendimenti per tutte quelle studentesse e quegli studenti che non hanno raggiunto gli obiettivi previsti, ma anche per tutti quelli che i docenti vorranno coinvolgere”.

VIDEO - Scuola, ecco come saranno i banchi a Los Angeles

La ministra ha inoltre spiegato che si sta lavorando “per la riduzione del numero di alunni per classe”. “Basta con le classi sovraffollate, volgarmente dette classi pollaio. Dovrà essere varato un piano di formazione del personale scolastico in grado di assicurare qualità e innovazione", ha detto. E ha poi assicurato: "Abbiamo bandito 78mila posti per assumere nuovi insegnanti. Li espleteremo al più presto per riattivare una macchina concorsuale ferma da troppo tempo, con grave danno per la scuola, che senza concorsi non ha tutti gli insegnanti di cui ha bisogno".

VIDEO - Azzolina: “Creato un software che calcola i m² di un’aula”

"Ho letto diverse corbellerie. Numeri e cifre dati a caso, anche rispetto ai costi. Ho letto che il governo sta sprecando denaro sulla scuola. Permettetemi di esprimere tutto il mio biasimo e di invitare tutti ad attenersi solo a informazioni certe e verificate", ha concluso.