Azzolina chiama la 12enne che fa lezione in strada contro la Dad

Sav
·1 minuto per la lettura

Roma, 11 nov. (askanews) - La ministra Lucia Azzolina ha telefonato ad Anita, la 12enne di Torino che da giorni va davanti alla propria scuola, la media "Italo Calvino", da dove, seduta sui gradini all'esterno o su un banco improvvisato, si collega per la dad: una forma di protesta per chiedere il ritorno delle lezioni in presenza che ha raccolto la partecipazione di altri ragazzi, richiamando l'esempio di Greta Thunberg. Nella telefonata, durata venti minuti, la ministra ha parlato prima con la madre e poi con Anita. "Ho due figli e sono convinta che entrambe le scuole che frequentano siano luoghi sicuri", ha detto la madre ad Azzolina, che ha chiesto di "continuare a lottare per le scuole aperte". Anita ha detto che continuerà ad andare davanti a scuola e che le mancano le lezioni in presenza. Azzolina ha assicurato che sta facendo "tutto il possibile per tenere le scuole aperte e permettere anche ai più grandi di rientrare, tenendo conto della situazione epidemiologica". La protesta di Anita davanti alla scuola dura da 5 giorni, sostenuta dal collettivo "Priorità alla Scuola": "Ha cominciato da sola, si è unita una sua compagna e poi si sono unit* Maia, Sara, Lisa, Selma, Giaele, Giorgio, Francesco, Giulio, Annalisa... I grandi cambiamenti cominciano da gesti di resistenza individuali, che via via dilagano", ha scritto il collettivo sui suoi canali social.