Azzolina: nessuno studente deve rimanere indietro

Rus

Roma, 26 mar. (askanews) - "Nessuno studente deve rimanere indietro a causa del digital divide cioè delle differenze infrastrutturali di rete tra i territori".

A spiegarlo è stata la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina, in Aula del Senato, durante l'informativa sulle iniziative per la prosecuzione dell'anno scolastico alla luce dell'emergenza sanitaria in corso.

Con la firma del decreto "abbiamo individuato risorse, pari a 85 milioni di euro, per l'anno 2020, destinando 10 milioni la dotazione o al potenziamento - per le scuole - di piattaforme e strumenti digitali per l'apprendimento a distanza; 70 milioni di euro per mettere a disposizione degli studenti meno abbienti, in comodato d'uso, dispositivi digitali individuali per la fruizione delle piattaforme di apprendimento e per garantire la connettività di rete nei territori ove essa sia carente; 5 milioni per la formazione del personale scolastico sulle metodologie e le tecniche per la didattica a distanza".

Azzolina sottolinea che "abbiamo inoltre considerato che spesso le scuole del primo ciclo di istruzione non hanno personale tecnico competente per affrontare le problematiche legate alla gestione delle nuove tecnologie. Così abbiamo deciso, in un momento in cui le competenze digitali fanno la differenza, di mettere a disposizione di queste scuole mille nuovi assistenti tecnici informatici(profilo finora previsto solo per le scuole secondarie di secondo grado), con il compito di assicurare la funzionalità della strumentazione informatica in dotazione agli istituti e per supportare i docenti e gli alunni nell'utilizzo delle piattaforme di didattica a distanza".(Segue)