BA 5, la nuova variante Covid contagiosa ma non pericolosa.

Cresce la preoccupazione delle autorità sanitarie europee per la rapida diffusione in tutto il continente dell'ultima variante Omicron di Covid 19, denominata BA.5.

In Romania per esempio, il numero di casi giornalieri è aumentato di 24 volte nell'ultimo mese: sono stati registrati 4.000 nuovi casi. Una notizia che però non dovrebbe suscitare eccessivi allarmismi visto che molti medici si sono espressi in termini fiduciosi:

Come nel cso di Virgil Musta: "Penso che questa ondata di COVID-19, pur avendo l'Omicron e le sue varianti che sono molto contagiose, non generi casi gravi. Per questo non mi aspetto un numero così elevato di casi che necessitino di ricovero e che creino pressione per gli ospedali".

Eppure la strada sembra amcora in salita , infatti secondo le autorità sanitarie europee, i vaccini contro le altre varianti non impediscono la diffusione di quelle nuove. Resta il fatto comunque che sono efficaci nel prevenire i casi più gravi della malattia.

Certo, le prospettive di diffusione della variante BA.5 non sono molto promettenti come spiega Andrea Ammon, direttore del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie:

"Entro la fine di questo mese il sottotipo BA 5 sarà la variante dominante nella maggior parte dei Paesi dell'UE. Quindi, quello a cui stiamo assistendo in questo momento è per noi l'inizio di una nuova, diffusa ondata di Covid-19 in tutta l'Unione Europea, potenzialmente simile a quella che ha visto il Portogallo all'inizio di quest'anno".

Riassumendo, dunque, un'ondata molto contagiosa, ma non molto letale (grazie alla vaccinazione della maggior parte degli abitanti). Dopo l'estate, l'Agenzia europea per i medicinali (EMA) potrebbe approvare nuovi vaccini adattati alle nuove varianti, anche se quello specifico contro il BA.5 è ancora in fase di sviluppo clinico.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli