Baba Vanga, le previsioni per il 2020: Trump e Putin in pericolo

baba vanga

La chiaroveggente bulgara Baba Vanga è conosciuta da tutti per essere colei che, in tempi non sospetti, predisse l’attentato alle Torri Gemelle dell’11 settembre e la Brexit. La donna è scomparsa ormai 23 anni fa, ma nonostante questo continua a far parlare di sè: sembra infatti che prima di morire abbia lasciato le sue previsioni per il 2020 e ora che l’anno è dietro l’angolo iniziano a spuntare le prime indiscrezioni.

Baba Vanga: le previsioni per il 2020

Per quanto riguarda l’anno che sta per iniziare, sembra che la chiaroveggente abbia lasciato ai posteri le previsioni relative ad alcuni fatti sconvolgenti. Sembra infatti che un meteorite debba cadere sulla Russia e che le vite di Putin e Trump siano in serio pericolo. La chiaroveggente avrebbe poi fatto riferimento ad un arsenale di armi chimiche che potrebbe essere usato contro l’Europa. Tuttavia, non mancano i dubbi relativi alla veridicità di tali previsioni: già all’inizio del 2019 si era parlato di potenziali pericolo che riguardavano proprio il presidente russo e il Tycoon. Il primo sarebbe dovuto scampare ad un attentato mentre Trump sarebbe dovuto essere colpito da una malattia.

Chi è Baba Vanga

L’11 agosto 1996 moriva Baba Vanga, la chiaroveggente di origine balcanica nota in tutto il mondo per i suoi straordinari poteri. Sembra infatti che la donna abbia lasciato previsioni, poi avveratesi, su grandi eventi della storia come la caduta dell’Unione Sovietica, la Brexit e l’attentato alle Torri Gemelle: “Orrore, orrore! La fratellanza americana cadrà dopo essere stata attaccata dagli uccelli d’acciaio. I lupi ululeranno in un cespuglio e sangue innocente verrà versato” aveva detto in relazione al drammatico attentato al World Trade Center. Secondo quanto si racconta Baba Vanga aveva perso la vita in giovane età e questo le aveva permesso di sviluppare poteri sovrannaturali che le permettevano di vedere il futuro ma non di cambiarlo. Ad onor del vero va detto che alcune delle sue previsioni si sono rivelate fallaci come quella sulla finale di Coppa del Mondo di calcio del 1994 o quella relativa ad una guerra nucleare che sarebbe dovuta scoppiare tra il 2010 e il 2014.