Bacia figlia 13enne dei vicini: 60enne rischia accusa di abusi

bacia figlia vicini

Brutta vicenda per un uomo di 60 anni residente in un paesino del Vallo di Diano, in Campania. Il 60enne rischia di essere accusato di violenza sessuale su minore per aver dato un bacio ad una ragazzina di 13 anni, figlia dei suoi vicini di casa. L’episodio risale ai mesi estivi.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, l’uomo si sarebbe avvicinato all’adolescente mentre giocava nel cortile di casa. Con una scusa qualsiasi, al momento non si conoscono ancora i dettagli, avrebbe convinto la ragazzina ad allontanarsi con lui e andare in un luogo più discreto. Poi l’avrebbe baciata sulle labbra. La 13enne sarebbe subito scappata di corsa a casa dai genitori ai quali avrebbe raccontato tutto. Il papà e la mamma della ragazzina non hanno perso tempo e sono andati immediatamente dai Carabinieri per denunciare quanto successo.

Bacia figlia 13enne dei vicini

I genitori della 13enne hanno quindi sporto denuncia ai Carabinieri della città di Polla. A questo punto è bene precisare che sulla vicenda regna il massimo riserbo per cui si deve sottolineare come le forze dell’ordine hanno giurisdizione oltre che daPolla anche a Sant’Arsenio, San Pietro al Tanagro e San Rufo.

L’alto livello di segretezza è dovuto al fatto che l’uomo finito sotto accusa è molto conosciuto in paese visto il suo impiego come dipendente pubblico. Pochi giorni fa l’uomo è stato raggiunto da un avviso di conclusione delle indagini. Ora la parola passerà agli avvocati i quali studieranno il modo migliore su come affrontare la situazione.