Badelj: "Ho avuto il Covid a Firenze"

·1 minuto per la lettura

Milan Badelj, centrocampista del Genoa, ha parlato al Secolo XIX del focolaio di Covid scoppiato in casa rossoblù e in particolare della partita giocata col Verona in condizioni di emergenza. "Partita peggiore non ci poteva capitare per il ritorno in campo. Perché è vero che l’Hellas ha cambiato tanto ma ha automatismi collaudati, un gioco efficace, può mettere tanta pressione. Però sono orgoglioso di quello che abbiamo vissuto, di quello che abbiamo fatto vedere. Ci sono stati momenti in cui abbiamo sofferto, però anche quando piovevano cross da una parte o dall’altra c’era sempre qualcuno che respingeva. Abbiamo giocato l’uno per l’altro, i più esperti come i più giovani: tutti insieme, tutti uniti. Ecco, questa è una squadra". Badelj, tra i pochi non contagiati del Grifone, ha però rivelato un particolare risalente alla scorsa stagione quando era tornato alla Fiorentina. "Con ogni probabilità ho avuto il Covid a marzo, quando ero a Firenze. Non ho fatto il tampone allora ma i test sierologici fatti dopo hanno dimostrato che ho gli anticorpi. Per cui mi sentivo sereno, anche se ho adottato tutte le precauzioni perché non si sa mai e per rispetto dei miei compagni. A Firenze a marzo e aprile sono stati parecchi i giocatori contagiati. Poi, certo, non ci vedevamo e siamo in campo tanto tempo dopo. Però le sensazioni sono le stesse. Qui ci siamo ritrovati senza poterci allenare, con tanti ragazzi a casa. Per fortuna quasi tutti asintomatici. Spero che nessuna altra squadra provi quello che è toccato a noi".