Baghouz, muore il Califfato, nasce la "nuova Isis". E per l'Europa non è una buona notizia

Umberto De Giovannangeli

Una storia insanguinata si conclude a Baghouz. Ma da Baghouz ne nasce un'altra, non meno inquietante. L'ultima roccaforte dello Stato Islamico in Siria, Baghouz, è stata liberata. Ad annunciarlo è Mustafa Bali, portavoce delle Forse democratiche siriane (Sdf), le milizie curde appoggiate dagli Stati Uniti. "Le Forze democratiche siriane dichiarano la totale eliminazione del cosiddetto califfato e la sconfitta territoriale al 100 per cento dell'Isis. In questo giorno unico, commemoriamo migliaia di martiri i cui sforzi hanno reso possibile la vittoria", ha annunciato Bali su Twitter. "Questo è un momento storico, che abbiamo atteso insieme alla comunità internazionale", aggiunge Abdel Kareem Umer, il capo delle relazioni internazionali delle Sdf, ai microfoni dell'agenzia Dpa. "Questo non significa che abbiamo messo fine al terrorismo e a Daesh . Abbiamo messo fine a Daesh dal punto di vista militare, abbiamo messo fine al loro Stato. Daesh ha ancora cellule dormienti e la loro ideologia esiste ancora nell'area sulla quale hanno governato per anni". "Il Califfato di Abu Bakr al Baghdadi è stato spazzato via dalla Siria", è "al 100% eliminato", aveva detto ieri un portavoce della Casa Bianca citando le informazioni ricevute dal Pentagono.

Della definitiva sconfitta dell'Isis, poi, aveva parlato anche il presidente Donald Trump. In viaggio verso la sua residenza in Florida per il fine settimana, il tycoon era tornato a far vedere una mappa che mostra l'estensione del Califfato fino a un anno fa e la situazione attuale in cui, di fatto, non ci sarebbe nulla di più che qualche piccola sacca di resistenza. L'annuncio di oggi mette fine a quasi cinque anni di guerra contro lo Stato islamico in Siria e in Iraq. Nelle scorse settimane, le milizie curde avevano dato inizio alla battaglia finale per espellere l'Isis dalla sua ultima roccaforte di Baghouz, dopo l'evacuazione di migliaia di civili e la resa dei combattenti dello Stato islamico nell'area. L'Isis aveva...

Continua a leggere su HuffPost