Balcani, Ursula Von der Leyen in missione in Serbia e Bosnia Erzegovina

Un sostegno a Belgrado per aiutare le famiglie e le imprese in difficoltà, accompagnato da un forte invito ad allinearsi all'Europea contro la Russia.

La visita della presidente della Commissione europea in Serbia si è svolta tra inviti e promesse, nella consapevolezza che anche l'integrazione delle infrastrutture energetiche, avvicinerà Belgrado a Bruxelles.

"Non vogliamo vedere solo il gas che scorre dalla Bulgaria alla Serbia, l'interconnettore transbalcanico sarà un ulteriore passo avanti per avvicinarci l'uno all'altro e permetterà alla Serbia di diversificare i partner energetici, migliorerà la sicurezza energetica dell'intero Paese", ha affermato von der Leyen .

Ma l'interconnettore tra Serbia e Bulgaria fa gola anche a Bruxelles nel suo sforzo di cercare nuovi partner energetici dopo il graduale distacco dalla dipendenza energetica da Mosca

Il tour dei Balcani di von der Leyen ha toccato anche la Bosnia-Erzegovina. L'aspettativa è che l'adesione all'Ue possa aiutare il Paese a superare le divisioni tra musulmani, croati e serbi.

La Bosnia ha presentato la candidatura per aderire all'Unione europea nel 2016, le riforme istituzionali messe in programma sono giudicate insufficienti da Bruxelles.