Baldwin: "Halyna era mia amica, urgente nuova legge per armi sul set"

·1 minuto per la lettura
EAST HAMPTON, NEW YORK - OCTOBER 07: Hamptons International Film Festival Chairman, Alec Baldwin attends the World Premiere of National Geographic Documentary Films' 'The First Wave' at Hamptons International Film Festival on October 07, 2021 in East Hampton, New York. (Photo by Mark Sagliocco/Getty Images for National Geographic) (Photo: Mark Sagliocco via Getty Images)
EAST HAMPTON, NEW YORK - OCTOBER 07: Hamptons International Film Festival Chairman, Alec Baldwin attends the World Premiere of National Geographic Documentary Films' 'The First Wave' at Hamptons International Film Festival on October 07, 2021 in East Hampton, New York. (Photo by Mark Sagliocco/Getty Images for National Geographic) (Photo: Mark Sagliocco via Getty Images)

Alec Baldwin parla davanti a una telecamera per la prima volta dal tragico incidente sul set del film ‘Rust’, costato la vita alla direttrice della fotografia Halyna Hutchins lo scorso 22 settembre. L’attore, intercettato da Tmz, ha risposto alle domande dei cronisti ribadendo più volte di non poter parlare dell’incidente.

“Ci sono indagini in corso, non posso parlare, lo sceriffo mi ha ordinato di non parlare”, dice più volte l’attore e produttore. “Halyna era mia amica, quando sono arrivato in città per la prima volta l’ho portata a cena”, ha ricordato visibilmente scosso, ricordando come, insieme al regista Joel Souza rimasto ferito nell’incidente, erano una “squadra ben affiatata”.

“Quanti incidenti con le armi ci sono? Questi sono gli Stati Uniti. Servirebbe una nuova legge per le armi sul set, magari di plastica, non saprei: io non sono un esperto ma è urgente” “proteggere le persone sul set” e “collaborerei in ogni modo a questo”, ha aggiunto.

Baldwin ha poi rivelato di aver incontrato il marito di Hutchins. ”È sotto shock, ha un figlio di 9 anni. Siamo in costante contatto con lui perché siamo molto preoccupati per la sua famiglia e suo figlio. Come ho detto, stiamo aspettando con impazienza che il dipartimento dello sceriffo ci dica l’esito della loro indagine”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli