Ballando con le Stelle, Mariotto parla della lite tra Milly e Todaro

Mariotto lite Milly Todaro
Mariotto lite Milly Todaro

Guillermo Mariotto ha rotto il silenzio sulla lite tra Milly Carlucci e Raimondo Todaro. Il giurato di Ballando con le Stelle ha raccontato la sua versione dei fatti e ha lanciato una frecciatina all’insegnante di ballo di Amici.

Mariotto sulla lite tra Milly e Todaro

Raimondo Todaro non fa più parte del cast di Ballando con le Stelle da un anno. Il suo addio fece parecchio discutere, anche perché si parlò di una lite con la conduttrice e direttrice artistica Milly Carlucci. Non solo, visto che il ballerino è poi approdato ad Amici come insegnante, la rottura con lo show danzante di Rai1 è apparsa ancora più significativa. Qualche giorno fa, Raimondo è tornato a parlare della sua ex datrice di lavoro, sottolineando che è una maniaca del controllo. Al contrario, la nuova padrona Maria De Filippi gli lascia ampia libertà di scelta. Queste dichiarazioni hanno fatto infuriare diverse persone, compreso Guillermo Mariotto.

Le parole di Giullermo Mariotto

Intervistato dal settimanale Mio, il giurato di Ballando con le Stelle ha dichiarato:

“Milly è figlia di un generale, è vero che controlla tutto, ogni cosa e fa bene a farlo anche perché se si lasciano al caso determinate cose si rischia che non vadano bene. Lei lavora in modo spropositato, sta attenta a ogni minimo dettaglio. Come può pesarti? Al contrario, è rassicurante. Se succede qualcosa, lei lo sa gestire, ma gioca d’anticipo perché non accada”.

Mariotto ha sottolineato che Milly tiene molto al rispetto delle regole, alla puntualità e alla precisione. E’ proprio grazie alla sua grande professionalità che Ballando non vive mai grandi intoppi.

La frecciatina di Mariotto a Todaro

Guillermo, da sempre lingua pungente, non ha potuto fare a meno di lanciare una frecciatina a Todaro. Ha tuonato:

“Quando è uscito di scena, nessuno se n’è accorto. Onestamente non ho sentito il vuoto perché il programma si riempie di tante cose e questo dimostra che siamo tutti utili ma nessuno indispensabile. Non ne abbiamo sentito la mancanza, forse perché è arrivato Vito Coppola che è stato un terremoto di bravura”.

Raimondo replicherà? Staremo a vedere.