Ballando con le stelle, Morgan querela Selvaggia Lucarelli

·2 minuto per la lettura

Dopo la puntata di 'Ballando con le stelle', Morgan querela Selvaggia Lucarelli e chiede aiuto a Milly Carlucci, lamentando che "il programma non può pensare di avermi e di trattarmi così". A riferirlo è il sito Fanpage.it. "Morgan grande artista, però maleducato"? replica Morgan: "Tutti sti 'però, però, però... ma però cosa? Sai che a quel punto io divento talmente maleducato che ti dico: 'Evita di dirmi grande artista'. Perché è imbarazzante. Io non potrei mai dire 'John Lennon, sì grande artista, però maleducato'. Se dico grande artista, io mi fermo lì. 'Grande artista ma…' significa non riconoscere la grandezza di un artista".

Per Morgan, poi, "Milly Carlucci, responsabile e capo progetto di questo spettacolo, ha il dovere di redarguire questo comportamento che ha svilito non soltanto il mio lavoro, ma anche il suo. Perché Milly è molto attenta, molto vicina a tutto, lei vede anche se c'è un bottone fuori posto. E allora, pensare che c'è una hater, una bullista che distrugge solo per vanità e per odio, è una cosa impossibile. Ho anche scritto a Milly Carlucci, le ho detto perché ti ostini?'. Selvaggia ha dimostrato di non essere all'altezza del ruolo e c'è un sacco di gente che è capace di fare quello. Non c'è bisogno di ostinarsi".

Ora, afferma Morgan, "risponderà davanti a un giudice. Avrei dovuto farlo già prima, sono cinque puntate che dovrei procedere. Volevo solo vedere dove era in grado di arrivare. Adesso lei ha pubblicato un mio messaggio privato che la legge e la giurisdizione italiana impedisce di divulgare, un messaggio dove tra l'altro le chiedevo scusa, dove ero gentile. Lei non ha solo pubblicato una mia conversazione privata, conversazione di un personaggio pubblico, ma ha poi aggiunto anche il commento denigratorio".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli