Ballottaggi, per la sinistra è notte fonda. Pd travolto anche nelle roccaforti rosse

Huffington Post

Il centrodestra dilaga e il Pd non ha più una casa. La Toscana ha voltato le spalle al centrosinistra. Quelle che erano conosciute come le roccaforti rosse - Massa, Pisa, Siena - sono passate in blocco al centrodestra, che ha ribaltato il risultato del primo turno e si è imposto al ballottaggio delle amministrative. I Cinque Stelle strappano la rossa Imola e il feudo Dc di Avellino, ma perdono Ragusa.

A Pisa il nuovo sindaco è Michele Conti candidato di Lega, FI e FdI, che ha battuto Andrea Serfogli. A Siena Luigi De Mossi, con il 50,8% batte di misura il sindaco uscente Bruno Valentini (Pd) fermo al 49,2%. A Massa Francesco Persiani è al 56,6% e batte senza problemi Alessandro Volpe, sindaco uscente, fermo al 43,4%.



Ammette la sconfitta anche Maurizio Perinetti, candidato sindaco del centrosinistra a Ivrea: qui la sinistra amministrava ininterrottamente dal Dopoguerra. Ad Ancona, unico capoluogo di Regione al voto, si riconferma la sindaca uscente, Valeria Mancinelli, di centrosinistra. Ad Avellino si impone a sorpresa Vincenzo Ciampi candidato M5S che strappa la cittadina campana finora guidata dal centrosinistra. Il M5S espugna anche Imola, governata per oltre 70 anni dal centrosinistra. Dopo 20 anni passa al centrodestra Terni - finora guidata dal Commissario straordinario - con Leonardo Latini esponente della Lega che al ballottaggio ha nettamente superato Thomas De Luca, candidato del Movimento 5 stelle. Da Brindisi arriva una delle poche consolazioni per il centrosinistra: è vincitore Riccardo Rossi, ribaltando i risultati del primo turno che vedevano favorito Roberto Cavalera del centrodestra. Brindisi era uno dei comuni guidati dal Commissario straordinario.

A Imperia la lotta tutta interna al...

Continua a leggere su HuffPost