Balneari: Battelli, 'gare riforma sistema e sana infrazioni, no a rallentamenti Pnrr'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 4 mag. (Adnkronos) – "Sono perfettamente d'accordo con il presidente dell'Autorità garante della Concorrenza e del Mercato Roberto Rustichelli, che ringrazio ancora per l'intervento di oggi in Commissione XIV, quando dice che il meccanismo della gara competitiva consente la giusta valorizzazione del bene pubblico, i giusti introiti e un miglioramento per la collettività. Concordo poi sul fatto che sia necessario attuare in tempi rapidi una nuova normativa sulle concessioni balneari. Se da un lato abbiamo l'urgenza, anche economica, di risolvere la procedura di infrazione europea, evitando tra l'altro eventuali e disastrosi rallentamenti dell'iter del Pnrr, dall'altro dobbiamo ridare al settore la dignità che merita basata sui principi di concorrenza, imparzialità, trasparenza e pubblicità". E' quanto affermato dal presidente della Commissione per le Politiche dell'Ue alla Camera Sergio Battelli, a margine dell'audizione del presidente dell'Agcm Rustichelli nell’ambito dell’indagine conoscitiva sugli strumenti per la prevenzione e la riduzione delle procedure di infrazione a carico dell’Italia.

"Come sostengo da anni – ha detto ancora Battelli – il sistema delle gare ad evidenza pubblica per la gestione di un bene prezioso e limitato come le spiagge, non può più essere rimandato. Lo ha giustamente sottolineato il presidente Rustichelli: 'la concorrenza è un investimento che tutela, nel tempo, gli interessi delle Pmi, dei consumatori, dei cittadini che sono l'essenza dei consumi nel nostro Paese'. Ecco, io credo che, a maggior ragione dopo la crisi pandemica, il Parlamento abbia il dovere di incoraggiare gli investimenti e valorizzare le specificità del nostro territorio e non penalizzare le imprese. Auspico quindi che si trovi al più preso l'occasione di scardinare un sistema che non funziona e che ha necessariamente bisogno di essere corretto".