Balzo di Wall Street dopo i dati sul terziario negli Usa

Ilaria Conti
·2 minuto per la lettura

AGI - Una serie di forti dati economici spinge al rialzo la Borsa di New York, con il Dow e l'S&P 500 che hanno chiuso a livelli record.

I due sondaggi sul settore dei servizi condotti separatamente da Markit e Ism confermano l'ottimo stato di salute del terziario negli Stati Uniti. Entrambi sono sopra la soglia dei 60 punti, con l'Ism che balza sui livelli più alti di sempre, da quando cioè il sondaggio è stato creato nel 1997.

Brinda Wall Street: il Dow Jones avanza dell'1,12% a 33.525,48 punti e lo S&P 500 sale dell'1,44% a 4.077,78 punti. Il Nasdaq guadagna l'1,67% a 13.705,59 punti.

Gli investitori sono ottimisti sulla riapertura dell'economia e una salita contenuta del rendimento del Tesoro americano a 10 anni ha tenuto sotto controllo le preoccupazioni per l'inflazione. Ora l'attenzione è puntata sui progressi del massiccio piano di rilancio delle infrastrutture e sulla prossima stagione dei profitti delle aziende.

I guadagni in Borsa sono stati guidati da settori che non hanno avuto buone performance di recente, compresi i servizi di comunicazione, i beni di consumo e la tecnologia, mentre il rendimento a 10 anni è rimasto al di sotto dei massimi da 14 mesi registrato la scorsa settimana. Bene Apple (+2,36%), Microsoft (+2,76%) e Intel (+3,10%). Tra i titoli in evidenza anche Boeing che sale del 2,53%. Le azioni di Tesla Inc sono balzate del 4,43%, dando una delle maggiori spinte allo S&P, dopo che la casa automobilistica ha registrato consegne record.

Tornando ai dati, nel dettaglio l'indice Pmi dei servizi definitivo, elaborato da Markit, sale a marzo 60,4 punti dai 59,8 di febbraio, risultando superiore alle stime di consensus (60 punti). Leggermente sopra le attese anche l'indice composito, che tiene conto anche della variazione del Pmi manifatturiero, che si attesta a 59,7 dai 59,5 punti precedenti e dai 59,1 attesi. Balzo da record poi per l'indice Ism dei servizi, elaborato dall'Institute for Supply Management, che vola 63,7 punti dai 55,3 di febbraio e ben al di sopra delle previsioni a 59. Si tratta della crescita più forte mai registrata nell'attività dei servizi dalla creazione del sondaggio.