Bambina va all'asilo a piedi perché "non residente"

·2 minuto per la lettura
Uno scuolabus
Uno scuolabus

Bimba senza scuolabus perché “non residente”. La bambina, che ha quattro anni, ha il domicilio presso una campo nomadi a tre chilometri dall’asilo e il comune di riferimento ha rigettato la domanda di residenza del padre. La surreale storia arriva dal Collegno, nell’hinteland torinese, e vede incrociarsi due fattori che in Italia fanno sempre danno: una certa burocrazia inflessibile e condizioni di vita spesso al limite, soprattutto nel Torinese. Alla bambina è stato revocato il servizio scuolabus e ogni giorno la piccola, per i primi rudimenti dell’istruzione e per socializzare, deve percorrere a piedi il tratto che separa l’asilo dal suo domicilio; sono 40 minuti all’andata ed altrettanti al ritorno.

Bimba senza scuolabus: il ricorso del padre

La motivazione della revoca del servizio scuolabus sta tutta nelle dichiarazioni dell’avvocato Federico del Pretis, che ha presentato ricorso in tribunale in nome e per conto del padre della piccola: “Il Comune non ha accolto la domanda di residenza perché il padre è privo di lavoro. Quindi non può dimostrare di essere indipendente dal punto di vista economico. Il padre è ansioso di volersi inserire nel contesto sociale italiano e di voler garantire ai suoi figli un futuro migliore lontano dal campo rom. Il modo migliore per consentire l’integrazione è garantire l’accesso ai servizi pubblici essenziali come istruzione, salute, lavoro. Mentre il mio cliente non può avere un medico di famiglia e sua figlia non può usare lo scuolabus”.

Cittadinanza e lavoro, i nodi da sciogliere

L’anno scorso infatti la piccola aveva ottenuto il servizio, ma la sua resta una posizione giuridicamente molto difficile, posizione che vede spesso i bambini meno avvantaggiati pagare pegno a problemi scolastici. Suo padre ha infatti nazionalità comunitaria ma non italiana, è autorizzato alla stanzialità presso il campo nomadi dove vive con sua figlia ma non ha un lavoro e quindi la residenza per ora resta una chimera.