Bambino Gesù: crescono attività clinica e produzione sicentifica -5-

Ska

Città del Vaticano, 24 lug. (askanews) - Il Bambino Gesù è una grande comunità composta da più di 3.500 professionisti tra dipendenti, collaboratori e ricercatori. L'86% dei lavoratori dipendenti è a tempo indeterminato. Più della metà dei dirigenti medici sono donne.

Benessere lavorativo: gli infortuni sul lavoro sono diminuiti del 19% rispetto al 2017; le assenze per malattia nel 2018 sono state in media di 11,5 giorni contro i 18,1 della media nazionale del comparto sanitario privato. Nel 2018 sono state effettuate in Ospedale oltre 32.000 ore di formazione rivolte a personale sanitario e non sanitario, tra cui 24.205 ore di corsi ECM, per un totale di 6.193 partecipanti.

La comunità dell'Ospedale comprende la rete dei volontari, con 42 associazioni accreditate, e la rete dei partner di servizio. Il Bambino Gesù si avvale infatti di 1.437 fornitori iscritti all'albo, di cui l'88% ha sede in Italia.

Sul piano della rendicontazione economica, nel 2018 l'Ospedale ha prodotto 342,1 milioni di euro di valore aggiunto inteso come valore generato nello svolgimento della sua attività istituzionale e distribuito agli interlocutori dell'Ospedale. In particolare, nel 2018, la distribuzione prevalente è stata per il 46% al personale, per il 43% ai partner di servizio e per il 5% ai partner della ricerca.

Nel 2018 i ricavi sono stati 359,4 milioni di euro a fronte di 342,2 milioni di costi. Il margine operativo lordo (EBITDA), che evidenzia la redditività della gestione operativa, è stato quindi di 17,2 milioni di euro. Il risultato operativo, che tiene conto degli ammortamenti per gli investimenti, si attesta ad un valore negativo di circa 1,48 milioni di euro, in sensibile miglioramento rispetto all'anno precedente.

Per quanto riguarda le fonti di finanziamento, il 73% proviene dai ricavi per le prestazioni sanitarie, il 12% da contributi e sovvenzioni da parte di Stato e Regione Lazio per la specificità dell'attività dell'Ospedale, il 7% dai finanziamenti per la ricerca. Il valore dell'intero parco tecnologico biomedico dell'Ospedale è di 76 milioni di euro, per un totale di 12.300 apparecchiature e componenti.

È il grande evento di spettacolo e solidarietà che si svolgerà il 20 novembre 2019, in occasione dei 150 anni di fondazione dell'Ospedale, con l'obiettivo di raccogliere fondi per il nuovo Istituto dei tumori e dei trapianti. Dall'Aula Paolo VI in Vaticano, numerosi personaggi dello spettacolo, della musica e dello sport si alterneranno con le loro performances al racconto delle storie di successo e speranza dei piccoli pazienti dell'ospedale e dei loro familiari. A guidare lo show, i cui biglietti sono disponibili da oggi su www.vivaticket.it/ita/event/una-serata-di-stelle-per-il-bambino-ge su/134889 , il popolare conduttore Amadeus.

I proventi saranno devoluti all'Istituto dei tumori e dei trapianti dell'Ospedale Bambino Gesù, dedicato alle cure di bambini affetti da leucemie, linfomi, tumori e ai trapianti di organi e di cellule staminali emopoietiche. Il progetto prevede di ottenere nuovi spazi adeguati alle crescenti richieste di presa in carico per ottimizzare le cure dei bambini con patologie croniche complesse che coinvolgono l'intero nucleo familiare.

È già attivo, a questo scopo, il numero solidale 45535, che permette di donare 2 Euro da mobile e 5 o 10 euro da telefono fisso.