La gioia di Cooper per la voce di sua madre

A due anni gli è stato impiantato un apparecchio acustico e può finalmente gioire per la voce di sua madre

"Ciao, Cooper!": con questo semplice saluto un bambino di due anni ha ascoltato per la prima volta la voce di sua madre. Dopo i primi attimi di stupore, Cooper gioisce, quasi esulta per il traguardo raggiunto. "Cooper è nato con un profondo deficit auditivo," spiega Lauren LaScala, madre del piccolo nato e cresciuto in Pennsylvania. "Nessuno in famiglia è sordo e, nonostante questo, io e mio marito eravamo portatori di questo gene senza saperlo".

A Cooper è stato installato un impianto auricolare nel settembre del 2011. Quella mostrata al primo ascolto di un suono in vita sua è stata senza dubbio una reazione fortunata la sua: "Di solito quando l'impianto viene attivato per la prima volta, alcuni bambini piangono. La sua è stata una risposta molto rara: siamo stati fortunati".

Il video è diventato un vero tormentone da pochi mesi, anche se è stato postato nel mese successivo all'operazione. Poi si è diffuso a macchia d'olio, in modo inspiegabile, ricevendo circa mezzo milione di visite e commenti da ogni parte del mondo. Otto mesi dopo l'impianto, la signora LaScala racconta che suo figlio sta benissimo e vive in armonia con l'apparecchio acustico, ricevendone gli ovvi benefici dell'apprendimento. Sa contare fino a 5, riconosce e sa pronunciare i nomi dei colori e comprende la filastrocca dell'alfabeto. Inoltre ha imparato ad esprimere i suoi desideri.

 

 

In questo video Cooper è visibilmente felice, mentre ascolta sua madre che gli parla. Ogni tanto sembra nfastidito dal volume troppo alto della sua voce o dai rumori circostanti, prodotti per stimolare la sua  reazione. Incoraggiato dai genitori, pesca in una scatola e ne trae un piccolo pesciolino d'oro. Mentre ascolta sua madre pronunciare le lettere che definiscono questo oggetto, Cooper è sempre attento e curioso. Ovviamente tenta di mangiarselo, ma recepisce immediatamente il "no" della mamma. Un vero miracolo, quello di cui il piccolo è testimone: in pochi attimi tocca e ascolta il nome degli oggetti intorno a sè, pesca una pallina e un piccolo disco nero, ricevendone in cambio parole. Per la prima volta Cooper ascolta il suono prodotto dalle costruzioni che cadono per sbaglio e sul finale inizia, come ogni bambino che si rispetti, ad avanzare delle richieste, protendendo le braccia e articolando alcuni suoni.

Ricerca

Le notizie del giorno