Banca centrale cinese mantiene stabili i tassi d’interesse

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 22 mar. (askanews) - La banca centrale cinese ha lasciato il suo tasso di riferimento fermo per l'11mo mese consecutivo oggi, mandando un segnale di cautela rispetto a eventuali cambiamenti nella politica di sostegno all'economia, mentre gradualmnete viene ridotto lo stimolo per tagliare sul debito ed evitare i possibili rischi finanziari.

La Banca del popolo cinese (PBOC) viene in un momento in cui gli Stati uniti stanno immettendo grande liquidità nel sistema, grazie al pacchetto da 1.900 miliardi di dollari voluto dall'Amministrazione Biden con la promessa della Fed di tenere i tassi d'interesse vicini allo zero mentre continua a comprare bord del governo americano.

Questa politica monetaria aggressiva degli Usa ha costretto alcune banche centrali di mercati emergenti, tra cui quele di Brasile, Russia e Turchia, ad aumentare i tassi d'interesse per contenere le pressioni inflazionistiche.

La PBOC invece ha mantenuto il tasso a un anno al 3,85 per cento e quello a cinque anni al 4,65 per cento. Si tratta di una decisione che il mercato considerava scontata e che mantiene i tassi fermi all'ultimo taglio di aprile 2020, quando la banca centrale cinese intervenne nel bel mezzo dell'impatto pandemico.

Pechino ha annunciato già questo mese che avrebbe ripreso la campagna di deleveraging per abbassare il livello d'indebitamentio del paese e i rischi di bolle speculative. Nel mercato si ritiene che il governo allenterà le misure di stimolo assunte nel 2020 per contenere i danni pandemici.

Dal canto suo la PBOC, col segnale di oggi, conferma di essere riluttante a fare cambiamenti di posizione troppo bruschi. Sabato il governatore della PBOC Yi Gang ha affermato in un discorso che c'è ancora spazio per pompare altra liquidità nell'economia, mantenendo il rapporto debito/Pil stabile. "La politica monetaria cinese è stata mantenuta in un range normale, con strumenti adeguati e tassi d'interese moderati", ha detto Yi, auspicando che si continui a fare "bun uso dei magini di politica monetaria normale per tenere la politica continua, stabile e sostenibile".