Banca Inghilterra alza ancora tassi di 25 punti base, pronta ad agire con forza

Il palazzo della Banca d'Inghilterra a Londra

LONDRA (Reuters) - La Banca d'Inghilterra ha alzato i tassi di interesse di un ulteriore quarto di punto percentuale, dicendosi però pronta ad agire "con forza" per allontanare i pericoli derivanti da un tasso di inflazione che si dirige oltre l'11%.

In perfetta linea con le attese, il riferimento sui tassi britannici viene innalzato a 1,25% da 1%.

All'indomani dalla stretta di Federal Reserve da tre quarti di punto, la maggiore dal 1994, Banca d'Inghilterra ha mantenuto un approccio più graduale, avvertendo che l'economia britannica subirà una contrazione nel periodo aprile-giugno.

I nove membri del Comitato per la politica monetaria hanno votato 6-3 a favore del rialzo di 25 punti base, stessa ripartizione del mese scorso, mentre la minoranza chiedeva un aumento di 50 punti base.

Il tasso di riferimento britannico è ora ai massimi da gennaio 2009. È la quinta volta che l'istituto centrale ha aumentato il costo del denaro da dicembre, quando è stata la prima grande banca centrale a inasprire la politica monetaria dopo l'insorgere della pandemia di Covid-19.

Tuttavia alcuni critici sostengono che si stia muovendo troppo lentamente per evitare un radicamento dell'aumento dell'inflazione sui salari sulle attese dei prezzi al consumo, danneggiando l'economia nel lungo periodo.

"L'entità, il ritmo e la tempistica di eventuali ulteriori aumenti dei tassi di interesse rifletteranno le valutazioni del Comitato sulle prospettive economiche e sulle pressioni dell'inflazione" dice un comunicato della banca centrale.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Alessia Pé)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli