Banca Mediolanum, utile netto di 250 mln nei nove mesi

·3 minuto per la lettura
Banca Mediolanum, utile netto di 250 mln nei nove mesi
Banca Mediolanum, utile netto di 250 mln nei nove mesi

Milano, 10 nov. (Adnkronos) – Banca Mediolanum archivia i primi 9 mesi con un utile netto di 249,8 milioni di euro. Questi gli altri dati principali del bilancio approvato dal cda: masse amministrate: 87,6 miliardi di euro; impieghi alla clientela: 11,5 miliardi di euro; common equity tier 1 ratio (cet1): 21,8%; volumi commerciali: 8 miliardi di euro; raccolta netta gestita: 3 miliardi di euro.

In particolare l’Utile Netto pari a 249,8 milioni di euro, è '' inferiore rispetto allo stesso periodo del 2019 (284,8 milioni) esclusivamente -si spiega dalla Banca- per minori performance fees e per l’assenza dell’equity contribution della partecipazione in Mediobanca''. Il gruppo rileva poi che ''La straordinaria raccolta netta in prodotti gestiti ha più che compensato l’impatto sulle Commissioni Ricorrenti causato dallo shock sui mercati del primo trimestre. Molto positivo è stato inoltre il contributo dell’erogazione alla clientela che ha consentito al Margine da Interessi di superare il livello del 2019 pur in un contesto di tassi di interesse particolarmente bassi''.

Il Margine Operativo ha raggiunto i 315,8 milioni di euro, contro i 328,3 dello scorso anno. ''I costi di Flowe, iniziativa di estremo successo lanciata nel corso del 2020 -si sottolinea- e i maggiori contributi ordinari al sistema bancario, sono stati ben mitigati dalle forti efficienze di costo operate dal Gruppo''. Il totale delle Masse Gestite e Amministrate ha raggiunto 87.567 milioni di euro, maggiore del 7% rispetto al 30 settembre 2019 e del 3% rispetto al 31 dicembre 2019, ''grazie al determinante contributo della raccolta netta totale e al recupero dei mercati nel periodo estivo''.

Gli impieghi alla clientela retail del Gruppo si attestano a 11.544 milioni di euro, in crescita del 17% rispetto al 30 settembre 2019 e dell’11% rispetto al 31 dicembre 2019. L’incidenza dei Crediti deteriorati netti sul totale crediti in Italia è pari allo 0,62%. Il Common Equity Tier 1 Ratio al 30 settembre 2020 sale al 21,8%, ''raggiungendo i massimi livelli storici a seguito della capitalizzazione del saldo dividendo 2019 non distribuito in osservanza delle raccomandazioni di Banca d’Italia al sistema bancario''. I risultati commerciali, pari a 8.037 milioni di euro, hanno raggiunto ''livelli considerevoli, soprattutto considerato il periodo particolarmente sfidante, superando del 77% i 4.545 milioni di euro dello stesso periodo dello scorso anno''. In particolare, la raccolta netta totale è stata positiva per 5.806 milioni di euro, mentre la Raccolta Netta Gestita ha raggiunto 2.973 milioni di euro, in forte crescita rispetto allo scorso anno.

I crediti erogati nel corso del periodo ammontano a 2.137 milioni di euro, il 13% in più rispetto all’anno precedente. I premi assicurativi delle polizze protezione, inoltre, hanno raggiunto 94,2 milioni di euro, con la nuova produzione delle Polizze non legate al credito in crescita del 90% rispetto allo stesso periodo del 2019. Il numero dei Family Banker al 30 settembre 2020 è pari a 5.370, mentre il totale dei Clienti si attesta a 1.566.264.