Banche: al via stagione trimestrali, per americane attesi utili 2021 da record

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 8 gen. – (Adnkronos) – Sta per partire la stagione delle trimestrali e per le grandi banche sono attesi risultati record per il 2021 grazie al balzo delle commissioni sugli investimenti e a perdite sui prestiti inferiori al previsto, che hanno permesso – per i sette maggiori gruppi statunitensi – il rilascio di 36 dei 50 miliardi di dollari in riserve accantonate dopo lo scoppio della crisi pandemica: i primi colossi a diffondere i risultati del quarto trimestre saranno Citigroup e JPMorgan Chase (14 gennaio) seguite da Goldman Sachs (il 18) e da Morgan Stanley e Bank of America il 19 gennaio. Fra questi, come segnala il Financial Times, tutti – con l'eccezione di Citi – dovrebbero comunicare gli utili annuali più alti di sempre.

E mentre alcuni ipotizzano un periodo più debole dopo un 2021 eccezionale, altri analisti credono che l'atteso aumento dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve potrebbe rendere 'effervescente' anche l'anno in corso. D'altronde – come spiega Deutsche Bank – già nel 2021 la quotazione dei titoli bancari statunitensi è aumenta del 35%, e la corsa è proseguita nei primi giorni del 2022.

Per le banche – non solo per quelle americane – resta il problema di far fruttare, trasformandola in prestiti, l'enorme massa di depositi cresciuta durante la pandemia. Come ricorda il quotidiano finanziario, JPMorgan, la più grande banca statunitense per asset, ha registrato un aumento del depositi di oltre il 50% dalla fine del 2019 a settembre 2021 a quota 2400 miliardi di dollari.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli