**Banche: Arbitro Finanziario, in 2021 – 28% ricorsi, restituiti a clientela 31 mln**

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 11 lug. – (Adnkronos) – Nel 2021 il numero dei ricorsi sottoposti all’Arbitro Bancario Finanziario è sceso del 28 per cento sull'anno precedente, a quota 22.300, con una differente ridistribuzione per materia: è aumentato il contenzioso in tema di servizi e strumenti di pagamento (+52 per cento), anche per effetto della maggiore diffusione dei pagamenti digitali, mentre sono scesi quelli in materia di Cessione del Quinto dello Stipendio e di Buoni Postali Fruttiferi. Lo sottolinea la Banca d'Italia nella relazione appena diffusa in cui si segnala come i Collegi ABF hanno restituito alla clientela circa 31 milioni di euro (29 nel 2020); di questi, oltre 20 milioni sono stati effettivamente restituiti alla clientela dagli intermediari. Dal 2015 sono stati riconosciuti oltre 135 milioni di euro.

Sul fronte tempistica, la durata media della procedura è stata di 137 giorni, un valore – si sottolinea – ampiamente inferiore ai 180 giorni previsti dalla normativa; l’85 per cento dei procedimenti si è concluso entro tale termine.

Lo scorso anno i collegi hanno adottato oltre 27.400 decisioni: nella maggior parte dei casi l’esito è stato di accoglimento totale o parziale delle richieste (48 per cento), oppure di dichiarazione della cessazione della materia del contendere per l’accordo intervenuto tra le parti (17 per cento). Infine, ricorda Bankitalia, sono state applicate le nuove disposizioni ABF sulla procedura e il nuovo importo che può essere chiesto all’Arbitro (raddoppiato, ora 200mila euro).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli