Banche, Bce potrebbe rimuovere divieto generalizzato su cedole in 2021 - FT

·1 minuto per la lettura
Logo della Banca centrale europea davanti alla sede di Francoforte

MILANO (Reuters) - Il divieto generalizzato alla distribuzione dei dividendi, a cui sono attualmente assoggettate le banche europee, difficilmente potrà restare in vigore oltre la fine di quest'anno, secondo il vicepresidente del supervisory board della Bce Yves Mersch.

Gli istituti di credito potranno tornare a remunerare i propri azionisti dall'anno prossimo se convincono i supervisori che i loro bilanci sono sufficientemente solidi per sopravvivere alle ricadute economiche e finanziarie della pandemia di coronavirus.

In una intervista al Financial Times, Merch ha sottolineato che il regolatore dovrebbe essere "molto conservativo" a proposito "del semplice ripristino dei payout ratios che c'erano prima della crisi", ma "questo non vuol dire che dovremo in tutti i casi mantenere un divieto generalizzato" che causa "incertezza legale" perchè "disponiamo di un solo strumento di applicazione nel nostro sistema di regolamentazione che si basa su un approccio caso per caso".

Anche in altre giurisdizioni sembra che si vada nella direzione di un approccio caso per caso, ha aggiunto.

La questione è assai sensibile per gli istituti e i loro azionisti in una fase di compressione della redditività e anche di rischio prospettico di un peggioramento della qualità del credito.

La Bce ha imposto alle banche dell'eurozona di non pagare dividendi e astenersi dal procedere a riacquisti di azioni proprie per proteggere i propri livelli di patrimonializzazione lo scorso marzo dopo lo scoppio della pandemia. In luglio il divieto è stato poi esteso fino al primo gennaio 2021.

Una decisione sul tema dovrebbe essere presa dalla Bce il prossimo mese dopo la pubblicazione delle nuove stime macroeconomiche il 10 dicembre.

(Maria Pia Quaglia, in redazione a Milano Valentina Za)