Banco Bpm aderisce a 'Global Compact' Onu e 'Task Force' su clima per target Esg

·1 minuto per la lettura
Una filiale Banco Popolare di Milano (Bpm)

MILANO (Reuters) - Banco Bpm ha aderito a due iniziative internazionali sul tema dello sviluppo sostenibile e del cambiamento climatico, ovvero il 'Global Compact' delle Nazioni Unite (Ungc) e la 'Task Force on Climate-Related Financial Disclosures' (Tcfd).

Lo dice una nota dell'istituto sottolineando che le iniziative a cui aderisce sono in linea con i target Esg del piano industriale presentato lo scorso novembre.

Lo United Nations Global Compact è un'iniziativa volontaria delle Nazioni Unite, lanciata nel 2000 e che conta oggi circa 15.000 società di 162 paesi diversi, e prevede impegni per chi aderisce nel rispetto dei diritti umani e del lavoro, nella salvaguardia ambientale e nella lotta alla corruzione.

La Tcfd è stata creata nel 2015 dal Financial Stability Board ed è una organizzazione internazionale che punta ad incoraggiare le aziende a una maggiore trasparenza sui rischi e opportunità finanziarie legate al cambiamento climatico.

(Andrea Mandalà, in redazione a Roma Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli