Bankitalia: Pil 2021 al +6,2%, rallenta al +4% nel 2022 e al 2,5% nel 2023

·3 minuto per la lettura
An abstract financial chart showing several projected income lines plotted on a dark background. (Photo: matejmo via Getty Images)
An abstract financial chart showing several projected income lines plotted on a dark background. (Photo: matejmo via Getty Images)

Crescita del Pil italiano confermata al 6,2% quest’anno, e ridimensionata al 4% (dal 4,4% indicato lo scorso luglio) per il 2022, Effetto della recrudescenza della pandemia e delle tensioni nelle catene di fornitura globali che stanno pesando nel trimestre in corso e impatteranno anche sui primi mesi del prossimo anno. E’ quanto prevedono le proiezioni di dicembre della Banca d’Italia, che tuttavia migliorano lo scenario del 2023, crescita al 2,5% dal precedente 2,3%, e 1,7% nel 2024.

La crescita economica in Italia, dopo l’attuale fase di rallentamento, tornerebbe ad essere “sostenuta a partire dalla prossima primavera, in concomitanza con il miglioramento del quadro sanitario, e recupererebbe i livelli precedenti lo scoppio della pandemia entro la metà del 2022” scrive la Banca d’Italia nelle sue proiezioni macroeconomiche per l’economia italiana, formulate in maniera coordinata con l’Eurosistema e che concorrono alle previsioni per l’area euro pubblicate ieri dalla Bce. Il recupero dei livelli di prodotto pre-pandemici slitta rispetto alle previsioni fin qui indicate nel primo trimestre, come del resto accade per l’area euro: la Bce ha indicato ieri che tale soglia sarà raggiunta nel primo trimestre 2022 e non più a fine 2021.

Bankitalia, che ha decisamente alzato (al 6,2%) la crescita del Pil nel 2021 con una frenata nel 2022 al 4%, prevede poi che “successivamente la crescita rimarrebbe robusta, seppure non così intensa come quella che ha caratterizzato il rimbalzo produttivo che ha fatto seguito alla riapertura dell’economia nel 2021”.
Bankitalia valuta che le misure di sostegno all’economia introdotte nel corso di quest’anno, quelle inserite nel disegno di legge di bilancio e gli interventi del Pnrr “possano innalzare il livello del Pil complessivamente di circa cinque punti percentuali nell’arco del quadriennio 2021-24, di cui oltre due punti riconducibili alle misure delineate nel Pnrr”. Tuttavia, dai livelli del 2021 e 2022, la crescita rallenterebbe a 2,5% nel 2023 e 1,7% nel 2024. La Banca d’Italia, infine, spiega che tale scenario ”è fortemente dipendente dalle ipotesi sull’evoluzione della pandemia e sugli effetti delle misure di sostegno, tra cui quelle incluse nel Pnrr” e che “un deterioramento del quadro epidemiologico rispetto a quello ipotizzato potrebbe determinare maggiori limitazioni alla mobilità e incidere negativamente sulla fiducia dei consumatori e delle imprese, ostacolando la ripresa dell’attività economica”. Ulteriori fattori di rischio sono connessi “con l’intensità e la durata delle tensioni dal lato dell’offerta e con la possibilità di un andamento meno favorevole della crescita e del commercio mondiale”.

Da segnalare poi il balzo dell’inflazione nel 2022, con le nuove stime di Bankitalia che indicano un 2,8% contro l′1,3% indicato solo sei mesi fa. Per l’anno in corso le nuove previsioni passano dall′1,5% all′1,9%, per il 2023 e 2024 è previsto un rallentamento a 1,5 e 1,7% rispettivamente. L’inflazione “potrebbe risultare più elevata di quanto previsto se le quotazioni energetiche dovessero mantenersi su livelli elevati più a lungo di quanto ipotizzato e se fosse maggiore la trasmissione alla dinamica salariale del recente forte incremento dei prezzi al consumo”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli