"Bari in Jazz" c'è, con Guidi, Aquino, Raiz, Omar Sosa e altri

Cuc
·1 minuto per la lettura

Roma, 3 ago. (askanews) - Bari in Jazz presenta la sua XVI edizione, in programma dal 7 al 21 agosto nei comuni di Fasano e Monopoli, a cui seguiranno due concerti speciali a Bari il 15 e 16 settembre (ancora in via di definizione). Un'edizione dal sapore particolare, con il preciso messaggio di esserci, a rimarcare la vitalità di un territorio antico ma aperto alla modernità come la Puglia. In cartellone in questa edizione 2020 l'esibizione degli Shuttle, che il 7 agosto apriranno il festival con la sonorizzazione in diretta del film "Planete Sauvage" di Rene´ Laloux, i concerti di Aly Keita, Jan Galega Bronnimann e Lucas Niggli (10 agosto), Raiz & RAdicanto duo (11 agosto), Omar Sosa - con apertura della serata di Natalino Marchetti (12 agosto), Kekko Fornarelli con apertura di Gianluca Bufis e Giancarlo Sabatini (13 agosto), L'Escargot (18 agosto), i Radiodervish (19 agosto), lo spettacolo Ulìa di Anna Cinzia Villani con l'apertura di Vincenzo Saetta e marco de Tilla e, per finire, il 21 agosto il duo Giovanni Guidi-Luca Aquino, preceduti dal set di Daniele Cordisco e Marco Guidolotti. In programma anche tre eventi-conferenze che animeranno il programma. Il 7 agosto verrà inaugurata al Chiostro dei Minori Osservanti di Fasano la mostra fotografica "Black People in a White World" di Valerio Corzani; l'8 si tratterà il tema Jazz ed Elettronica: La nuova frontiera - "A che punto siamo?" con gli interventi di Marco Valente, Damir Ivic e Valerio Corzani e infine il 9 si parlerà di New Black - 4 Nuove onde sonore africane: Electro cha^bi (Egitto), Tishoumaren o Desert blues (Mali, Niger, Algeria), Funana' (Capoverde), Shangaan electro (Sud Africa) con Luca D'Ambrosio, Gabin Dabire´ e Valerio Corzani.