Bari, omicidio di "Margherita": sette anni dopo arrestato l'ex

Roma, 23 dic. (askanews) - Sette anni dopo, svolta nell'omicidio di Szelekak Malgorzata detta "Margherita", uccisa a Bari nel 2012 quando aveva 50 anni. La polizia ha arrestato il presunto responsabile dell'uccisione della donna polacca i cui resti furono rinvenuti nei locali delle ex acciaierie "Scianatico". Sarebbe l'ex compagno, accusato anche di riduzione in schiavitù, occultamento e vilipendio del cadavere.

Le indagini erano iniziate a maggio 2017, quando, nel vano tecnico dell ultimo piano di un edificio in disuso, venne rinvenuto un cadavere coperto da assi e cassette di legno. I resti erano avvolti da nastro adesivo e presentavano intorno alle ossa del polso due braccialetti. In altre stanze dell'edificio erano poi stati trovati capi di abbigliamento, soprattutto femminili, alimenti, tanto da far pensare che la struttura fosse stata abitata da soggetti senza fissa dimora. Poi i risultati dell'autopsia avevano stabilito che i resti erano di una donna, deceduta per uno "shock traumatico ad alta componente emorragica, nel corso e a causa di una violenta ed efferata aggressione" cinque anni prima.

Si era così risaliti all'identità della donna, conosciuta tra i senza tetto come "Margherita". Sui muri erano state anche trovate scritte inquietanti, come "Tu muori qua", messe poi in relazione alla grafia dell'uomo.

È emerso che la relazione tra la vittima e il suo assassino risaliva al settembre/ottobre 2011. Inizialmente ospiti di un campo di accoglienza della Croce Rossa, i due avevano occupato abusivamente uno stabile abbandonato e dopo il suo sgombero avevano trovato rifugio nei locali delle ex acciaierie.

Dalle indagini è venuto fuori che la donna era vittima di un rapporto fatto di violenze, vessazioni e tenuta in totale isolamento. Un rapporto sfociato poi nell efferato omicidio. Dalle testimonianze è emerso anche che, dopo la sua scomparsa, l'uomo aveva inscenato una vera e propria attività di depistaggio, riferendo a tutti che la sua compagna era rientrata improvvisamente in Polonia.