**Bari: quadro rubato 50 anni fa, Cassazione accoglie ricorso Decaro, 'decida giudice civile'**

·1 minuto per la lettura
**Bari: quadro rubato 50 anni fa, Cassazione accoglie ricorso Decaro, 'decida giudice civile'**
**Bari: quadro rubato 50 anni fa, Cassazione accoglie ricorso Decaro, 'decida giudice civile'**

Roma, 16 mar. (Adnkronos) – Sarà il giudice civile a dirimere la questione del dipinto ‘Superficie 223’ sottratto più di 50 anni fa dalla Pinacoteca di Bari e passato nelle mani di privati cittadini in seguito a una vendita all’asta. La Corte di Cassazione ha infatti annullato il provvedimento del gip che aveva archiviato nel 2019 il procedimento penale a carico del 58enne di Latina Giuseppe Coppola e dell’82enne campano Filippo Giardiello, restituendo il dipinto, inizialmente sequestrato dalla magistratura barese, a Coppola.

I giudici della Seconda sezione penale di piazza Cavour hanno così accolto il ricorso del sindaco di Bari Antonio Decaro, nella parte in cui si annulla la restituzione del quadro decisa dal gip a favore di Coppola e rimandando l’ultima parola al giudice civile. “Nel caso in esame è evidente che sussistono contrapposte pretese delle parti dirette segnatamente ad affermare il diritto alla restituzione del bene oggetto di sequestro – scrivono i giudici della Cassazione – così che si rende necessaria la risoluzione della controversia da parte del giudice civile”.