Barilla: il racconto artistico del grano duro in Triennale a Milano

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 26 apr. (askanews) - Barilla porta in Triennale a Milano la mostra che conclude il progetto artistico Grani d'autore: dalla semina al raccolto del grano duro, aperta dal 28 aprile al primo maggio (dalle 11 alle ore 20.30".

L'esposizione rappresenta un viaggio tra i valori della pasta fatta con grano duro selezionato 100% Italiano e racconta, attraverso il linguaggio artistico, il lavoro dell'azienda per la valorizzazione di una filiera agricola italiana di qualità, responsabile e sostenibile. La vista alla mostra sarà gestita nel rispetto delle norme anti Covid e dei protocolli impartiti dalle autorità, a garanzia della sicurezza dei visitatori presenti.

Punto di partenza e ispirazione del progetto artistico è il Manifesto del grano duro, un prospetto in dieci punti che contiene gli impegni dell'azienda, e i suoi valori guida, per una pasta con grani duri italiani e prodotta responsabilmente. Undici artisti italiani hanno raccontato in illustrazioni uniche e originali la loro visione del Manifesto, attraverso l'utilizzo di linee, forme, simboli e colori ispirati alla nuova pasta. E sono proprio i colori dell'azzurro, del giallo e del rosso a essere il fil rouge che collega tutte le illustrazioni.

La romana Irene Rinaldi, la palermitana Giulia Conoscenti e la napoletana Andrea Boatta; e ancora Celina Elmi da Firenze, Emiliano Ponzi da Ferrara, Ale Giorgini da Vicenza e Massimiliano di Lauro da Lecce; infine, Alessandro Baronciani da Pesaro, il milanese Francesco Poroli, la torinese Elisa Seitzinger e Cristian Grossi da Parma, città sede di Barilla: ciascun artista ha rappresentato un punto del Manifesto più una undicesima opera che riproduce l'idea complessiva del documento.

"Il grano è alla base della nostra storia e lo sarà nel nostro futuro: per noi non è solo un ingrediente, ma un elemento molto più prezioso - ha commentato Paolo Barilla, vicepresidente del Gruppo - Essere vicini al mondo dell'arte aggiunge bellezza a qualcosa che ci è molto caro. Grazie a tutti gli artisti che ci hanno dedicato le loro emozioni per raccontarlo".

La curatela della mostra in Triennale Milano è firmata da Maria Vittoria Baravelli, ravennate di nascita e milanese d'adozione, "art sharer" sui social e firma d'arte per diverse testate nazionali e internazionali. L'esperienza della mostra è possibile anche in versione digitale, sul sito Barilla dove, oltre alle opere, possibile scoprire le storie degli artisti, il loro pensiero, i grandi temi dietro al Manifesto artistico.