Barreca racconta l’ultimo disco e la collaborazione con il cinema

·3 minuto per la lettura
Barreca nuovo album
Barreca nuovo album

Si fa conoscere per la sua gentilezza e il suo animo riflessivo. È un artigiano della musica e con la sua vena artistica unisce armoniosamente melodie dolci e testi intimi e introspettivi. Così nell’intervista esclusiva Barreca presenta il suo nuovo album, “Dall’altra parte del giorno”. Timbro raffinato, piglio cantautorale e sguardo malinconico, l’artista calabrese, profondamente legato alla sua terra, intraprende un viaggio tra introspezione e riflessione, accompagnando l’ascoltatore in un percorso fatto di amori, addii, attese, incontri e solitudini. Ha intrapreso una collaborazione anche con il mondo del cinema. Il brano “È Tutto Qui”, infatti, fa parte della colonna sonora del film “L’incontro” di Salvatore Romano, in uscita a maggio sulle piattaforme streaming.

Animo sensibile e voce delicata, Barreca a proposito del nuovo album dichiara: “Oggi che accetto me stesso e le mie fragilità diventano punti di forza, considero “Dall’altra parte del giorno” un percorso, con dentro tutte le contraddizioni, le emozioni, le ripartenze, le paure e le ingiustizie del tempo. Vorrei che l’ascoltatore si potesse immergere completamente in questo viaggio interiore, sentendosi anche un po’ protagonista. È come se quei passi, in qualche modo, non li avessi percorsi da solo”.

Barreca racconta il suo nuovo album

Scritto da Benedetto Demaio e prodotto e arrangiato da Riccardo Anastasi, “Dall’altra parte del giorno” è un disco dinamico, che spazia dalle ballad al pop-rock, proponendo una musica intensa e fondendo atmosfere acustiche a elementi elettronici. Il risultato è un album dalla forte identità artistica, grazie anche al mixaggio affidato a eccellenze del settore come Taketo Gohara (Vinicio Capossela, Elisa, Negramaro) e Marco Borsatti (Vasco Rossi, Laura Pausini, Zucchero).

Al sound dolce e sensibile unisce riflessioni personali: così le canzoni che compongono il nuovo disco di Barreca costituiscono un album fotografico fatto di storie intime ma coinvolgenti al contempo, nel quale in molti possono rispecchiarsi e grazie alle quali sentirsi meno soli.Credo fortemente nella gentilezza. In un mondo in cui i toni sono spesso forti e aggressivi, la gentilezza per me è la vera rivoluzione. Il mio ultimo disco è il lavoro di tre anni. Dentro c’è un viaggio interiore. Nel mio album propongo il mio caos interiore, fatto di sogni, amore, debolezze e partenze. Paure e fragilità sono il tema centrale. A lungo sono state il mio demone e ora sono diventate il mio punto di forza. Il merito è della musica, che mi permette di raccontare storie e riflessioni personali. Sono un ragazzo normalissimo: un 34enne con il caos dentro. Grazie alle mie canzoni, vorrei che in molti si sentano coinvolti, ha spiegato il cantante.

Per Barreca “la canzone è come un’arte povera, con il vantaggio di poter appartenere a tutti. Mi sento un artigiano della musica, che è per me una sorta di seduta di psicoterapia. A giugno si è conclusa la mia relazione. Dopo tanti anni, è finita la mia storia d’amore. Ero immerso nel dolore, ma mi sono rialzato e ho cominciato ad apprezzare maggiormente le piccole cose. Come il mare e i paesaggi meravigliosi che la mia Calabria offre. La musica per me è un’occasione per raccontare le fragilità e mettermi così in connessione con il mondo”.

E dov’è “l’altra parte del giorno” per Barreca?Il mio album è un viaggio nella vita vissuta. La mia terra mi regala affetti e sapori, ma sento sempre l’esigenza di essere “al di là”. Non è importante la meta: colleziono tanti fallimenti, ma l’importante è iniziare. Cominciare a intraprendere un percorso”.

Parlando dei progetti futuri, ha dichiarato: Ho voglia di esprimermi attraverso i live, portando dal vivo “Dall’altra parte del giorno” e interpretando i successi di grandi artisti che hanno segnato il mio percorso musicale. Non mi fermo: nel cassetto c’è ancora tanta nuova musica”. Barreca continua a lavorare, nonostante l’emergenza sanitaria e il periodo ancora incerto stiano bloccando il settore della musica e non solo.