Baseball: Turner macchia il trionfo dei Dodgers, festeggia con il Covid

·1 minuto per la lettura

AGI Il trionfo dei Dodgers nelle World Series di baseball, un successo che mancava alla franchigia californiana da 32 anni, è stato 'macchiato' dall'uscita dal campo del terza base Justin Turner in piena gara 6, dopo che si è scoperto che era risultato positivo al Covid, e dal suo successivo rifiuto di isolarsi. E' accaduto nella sfida decisiva a Arlington, in Texas, contro i Tampa Bay Rays che
ha regalato il titolo ai Dodgers.

I dirigenti dei Dodgers hanno appreso della positività del barbuto 35enne mentre la partita era in corso e gli hanno subito ordinato di lasciare il campo come prevedono i protocolli della Mlb. Si è trattato del primo contagio di Covid da quasi due mesi per il baseball professionistico Usa.

I baci e gli abbracci alla festa

La squadra californiana poi ha vinto 3-1 e ha chiuso la serie sul 4-2, conquistando un trofeo che le mancava dal 1988. Quando sul campo si è scatenata la festa, Turner non ha resistito ed è corso ad abbracciare i suoi compagni e i loro familiari. Poi è stato visto baciare la moglie e posare senza mascherina per una foto di squadra accanto al coach Dave Roberts. All'invito di un delegato della Mlb di lasciare il campo, ha opposto un rifiuto. Il timore è che la serata di Arlington lascerà strascichi sanitari che macchierebbero una grande festa sportiva.