Basket: Nba, il cambio d'allenatore non serve ai Nets, i Bulls vincono a Brooklyn 108-99

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

New York, 2 nov. – (Adnkronos) – Il cambio d'allenatore non dà gli effetti sperati per i Brooklyn Nets (2-6) battuti in casa 108-99 dai Chicago Bulls (4-4). L'ennesimo ko dei Nets prende vita nel quarto quarto, vinto dai Bulls 31-19. Di quei 31 punti segnati da Chicago, 20 portano la firma di uno scatenato Zach LaVine (LaVine 20-Nets 19 il bilancio del quarto conclusivo), che chiude a quota 29 mettendo la sua firma sul successo esterno dei suoi, insieme ai 20 punti di DeMar Derozan e ai 17 di Ayo Dosunmu.

Per Brooklyn riflettori sono tutti puntati sull'esordio in panchina di Jacques Vaughn dopo l'addio a Steve Nash e sulle prestazioni della coppia Kevin Durant-Kyrie Irving (Ben Simmons è ancora fuori per un dolore al ginocchio). Il primo risponde al suo solito, con 32 punti, 9/17 al tiro, infallibile dalla lunetta (12/12) e anche 9 rimbalzi e 6 assist. Di tutt'altro tipo la prestazione di Irving, fermato a 4 punti con 2/12 dal campo e 0/6 da tre. Massimo in carriera pareggiato i 20 punti di Royce O'Neale ma non bastano per evitare il sesto ko in otto partite stagionali.