Basket: Nba, Irving sospeso dai Nets dopo messaggi antisemiti

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

New York, 4 nov. (Adnkronos) – Kyrie Irving è stato sospeso a tempo indeterminato dai Brooklyn Nets, ma per un minimo di cinque partite e senza stipendio, dopo che la star Nba ha promosso sui social un docufilm dai chiari contenuti antisemiti. Il campione Nba 2016, parlando con i media, non si è scusato per il post sui social media, rispondendo in modo ambiguo quando gli è stato chiesto direttamente se avesse convinzioni antisemite. Il commissioner Nba Adam Silver si è detto deluso che Irving "non avesse offerto scuse incondizionate" per il suo post "sconsiderato" sui social media. Mercoledì Irving e i Nets hanno donato ciascuno 500.000 dollari a favore di cause e organizzazioni che lavorano per sradicare l'odio e l'intolleranza nelle nostre comunità. Ma dopo la conferenza stampa di giovedì, i Nets si sono mossi per sospendere Irving per un minimo di cinque partite e senza stipendio, rimasti "sgomenti" dai suoi ultimi commenti. La franchigia ha detto che il giocatore "non è in questo momento idoneo a essere associato ai Brooklyn Nets".

"Negli ultimi giorni, abbiamo fatto ripetuti tentativi di lavorare con Kyrie Irving per aiutarlo a capire il danno e il pericolo delle sue parole e azioni, iniziate con la pubblicità di un film contenente un odio antisemita profondamente inquietante", hanno detto i Nets nel dichiarazione. "Siamo rimasti sgomenti oggi, quando ci è stata data l'opportunità in una sessione mediatica, che Kyrie si sia rifiutato di dire inequivocabilmente di non avere convinzioni antisemite, né di riconoscere materiale specifico di odio nel film. Questa non era la prima volta che ne aveva l'opportunità ma non è riuscito a chiarire. Tale mancato disconoscimento dell'antisemitismo quando viene data una chiara opportunità di farlo è profondamente inquietante, è contro i valori della nostra organizzazione e costituisce un comportamento dannoso per il team. Di conseguenza, siamo del parere che attualmente non sia idoneo per essere associato ai Brooklyn Nets".

Irving aveva affermato di essersi assunto la responsabilità di condividere il post sui social media, che da allora è stato cancellato, ma alla fine ha mantenuto la sua posizione. "Non volevo causare alcun danno", ha detto Irving. "Non sono io quello che ha fatto il documentario. Ancora una volta, lo ripeterò. Non so come l'etichetta sia giustificata perché voi ragazzi mi fate le stesse domande più e più volte, ma questo non si trasformerà in un ciclo di rotazione: domande su domande. Vi ho detto come mi sentivo. Rispetto tutti i ceti sociali e abbraccio tutti i ceti sociali. È lì che mi siedo… Non posso essere antisemita se so da dove vengo".